Una nuova anima dietro le mura storiche: Pavimenti compositi Cofrastra® per il museo della Collezione Heidi Horten

Nascosto nel cortile interno di un edificio del Gründerzeit nel centro di Vienna, l'ex cancelleria dell'arciduca Federico è stata trasformata in un museo privato. Per soddisfare i requisiti di un museo d'arte moderna, è stato necessario un significativo adattamento della struttura esistente: tre livelli al di sopra del suolo e un livello sotterraneo sono stati costruiti ex novo dietro la facciata conservata dell'edificio, con l'aiuto di una struttura in acciaio e di una pavimentazione composita Cofrastra® 54S fornita da ArcelorMittal Construction.

Informazioni dettagliate

Dopo il successo dell'esposizione della collezione della collezionista d'arte Heidi Goëss-Horten al Leopold Museum di Vienna nel 2018 con il titolo "Wow!", il suo assortimento di capolavori è ora esposto in modo permanente e accessibile al pubblico in questo museo privato. Il sito, situato in posizione centrale, in un edificio completamente ridisegnato dal punto di vista architettonico e con un ambiente adeguato, è ora aperto.

 

Da cancelleria arciducale a museo d'arte moderna: una riprogettazione architettonica con un "effetto wow".

Con l'acquisizione dell'edificio Stöckl, costruito nel 1914 circa nel cortile interno di un edificio del Gründerzeit all'angolo tra le vie Goethegasse e Hanuschgasse, Heidi Goëss-Horten si è assicurata un edificio storico nel cuore di Vienna. L'ex cancelleria arciducale si trova di fronte al Palais Erzherzog Albrecht (noto come Albertina) e ha già ospitato in passato altre istituzioni artistiche e culturali, tra cui, recentemente, il Museo dell'Opera di Stato. Il nuovo utilizzo dell'edificio Stöckl come museo per una delle più importanti collezioni d'arte private si integra perfettamente nell'insieme adiacente del parco Burggarten, dell'Opera di Stato e del Museo Federale dell'Albertina.

Tuttavia, l'edificio ultracentenario non soddisfaceva i requisiti di un museo d'arte moderna. Questa collezione d'arte unica, che comprende opere significative di artisti famosi di diverse epoche, richiede un'architettura accattivante che corrisponda alla funzione. Il progetto degli architetti di the next ENTERprise (tnE) prevedeva una necessaria ristrutturazione degli interni dell'edificio. A tal fine, l'edificio è stato sventrato e ampliato verso il basso con un piano interrato.

Solo la facciata dell'edificio Stöckl è stata mantenuta per racchiudere i nuovi livelli espositivi, quasi fluttuanti. I tre piani sono sfalsati e ruotati l'uno rispetto all'altro. Questa nuova suddivisione interna forma un contrasto con la facciata classica e consente nuove relazioni spaziali all'interno del museo e con l'ambiente esterno. Il risultato? Un'architettura spettacolare con un "effetto Wow" che mette sapientemente in mostra questa rinomata collezione d'arte.

 

Galleggiare tra vecchio e nuovo: le sfide della costruzione

Quando si parla di ingegneria, questa sede espositiva progettata da Bollinger + Grohmann è un progetto notevole anche dal punto di vista tecnico, grazie alla sua posizione e alla struttura storica dell'edificio. Oltre allo sventramento quasi completo dell'edificio, la struttura esistente è stata completamente interrata e la facciata del piano terra è stata aperta in un angolo dell'edificio e puntellata per creare un'ampia area di ingresso al museo. La nuova struttura portante si basa essenzialmente su travi in acciaio con un'altezza massima di 600 mm e una luce fino a 20 m. In questo modo, le singole aree espositive sono coperte in modo autoportante e sono collegate verticalmente solo dalla scala autoportante in acciaio inossidabile. I carichi portanti concentrati delle travi sono trasferiti al suolo dell'edificio tramite supporti in acciaio, strutture supplementari in cemento armato e fondazioni profonde.

La costruzione in acciaio e l'assemblaggio dei profili compositi della pavimentazione sono stati eseguiti da Zeman & Co GmbH. In stretto coordinamento con ArcelorMittal Construction, produttore della pavimentazione Cofrastra® , sono state chiarite tempestivamente le questioni statiche e logistiche e la consegna è stata programmata in base al calendario dei lavori.

Cofrastra® 56S: per una pavimentazione leggera e sottile con numerosi vantaggi

Le lastre composite per solai Cofrastra® 56S, realizzate in acciaio zincato e rivestito di materiale organico (tN=1,0 mm) con una finitura inferiore quasi liscia, sono servite come cassaforma per il calcestruzzo gettato in opera e colmano l'interasse delle travi da 1,65 m a oltre 2,0 m senza bisogno di supporti aggiuntivi. Inoltre, la lamiera profilata funge da armatura inferiore per assorbire i momenti flettenti della costruzione della soletta, che è mantenuta molto sottile con una profondità di 10 cm. Il risultato è un peso della lastra inferiore a 250 kg/m2 con carichi permanenti relativamente elevati e sovraccarichi dinamici per un totale di quasi 9kN/m2.

Gli elementi profilati sono impilati in modo compatto, consentendo così un trasporto efficiente al cantiere nel centro della città.

Dettagli

Pavimento composito Cofrastra® 56S in tN=1,0 mm

- Carichi: carichi permanenti in estensione - 2,7 kN/m2, carichi vivi - 6,25 kN/m2
- Campate: da 1,65 m a 2,05 m, sistema a doppia campata
- Spessore della soletta: 10 cm
- Fabbisogno di calcestruzzo: 90 l/m2
- Peso della lastra: 240 kg/m2

Informazioni di progetto

  • Vienna
  • Austria
  • 2022
  • Architetti:
    the next ENTERprise – architects
  • Studio d'ingegneria:
    Bollinger + Grohmann
  • Appaltatore:
    Zeman & Co GmbH
  • Investitori:
    Palais Goëss-Horten GmbH
  • Testo:
    Christoph Radermacher, ArcelorMittal Construction
    Constructalia
  • Immagini:
    Rupert Steiner, © Heidi Horten Collection
    Stephan Oláh, © Heidi Horten Collection
    © Zeman & Co GmbH